Immersioni a Marettimo

Marettimo, piccola perla del Mediterraneo, si trova in Sicilia, provincia di Trapani e con le sorelle Favignana e Levanzo costituiscono l’arcipelago delle Isole Egadi.

 

L’isola è comodamente raggiungibile in aereo da Milano, Torino, Bologna, Venezia, Treviso, Pisa e Roma tramite vettori Ryanair, con la convenienza della possibilità di prenotare il volo via internet a tariffe tra € 20 ed € 100 (dipende dall’anticipo con cui prenotate).

 

 

Attenzione solo a non eccedere di neppure un chilo con il bagaglio a mano, pena un costoso extra.

 

Lo scalo dei voli può essere Palermo o, ancora meglio, il piccolo aeroporto di Trapani Birgi.

 

Da ambedue gli scali con nave o aliscafo, in circa 1,5 ore di navigazione si raggiunge l’isola.

 

Marittimo è un’isola di pescatori, piccola, senz’auto, e con una limitata capacità recettiva. Vi è una banca, una farmacia, diversi ristoranti e gli alloggi in genere sono costituiti da case di pescatori,di varie tipologie, completamente ristrutturate e molto accoglienti.

 

In alternativa potrete optare per il residence.

 

Mi ci sono recato per lavoro quest’estate ( dato che faccio l’istruttore subacqueo) e la mia permanenza è durata 3 mesi.

 

Le immersioni che potrete trovare soddisfano tutti i palati: orlate, secche, pareti, grotte.

 

Flora e fauna subacquea sono molto ricche e, cosa che mi ha colpito molto, la conformazione morfologica  dei siti d’immersione è spettacolare.

 

Vi troverete a pinneggiare in mezzo a nuvole di anthias, boghe,castagnole sulla sommità delle secche, piuttosto che a cercare avidamente i grossi astici e gronchi che popolano le grotte, impegnati in passaggi spettacolari tra le formazioni rocciose subacquee, o immobili ad osservare cernie e dentici. I fotografi sub troveranno pane per i loro denti.

 

Il livello di difficoltà spazia tra siti adatti a terminare corsi di primo livello a pareti ed orlate dove la corrente, talvolta, è molto intensa.

 

D’ogni modo mi sento di raccomandare almeno un  brevetto di secondo livello ed un minimo di esperienza alle spalle.

 

Non esiste la possibilità di svolgere immersioni in corrente ( drift dive) visto che le imbarcazioni sub gettano l’ancora sul sito d’immersione.

 

La temperatura dell’acqua presenta un significativo termoclino dopo i 20 metri di profondità: suggerisco l’uso di una semistagna o meglio ancora una muta stagna, visto che sotto i 30 metri ( quota che raggiungerete spesso e talvolta la oltrepasserete), l’acqua sfiora i 13° C!

 

La visibilità in genere è buona. Purtroppo, in nessuno dei diving presenti, è disponibile in nitrox: da istruttore devo dire che è un vero peccato, dato che le immersioni normalmente si svolgono con la formula full-day e quindi 2 immersioni al giorno sono garantite.

 

La maggior sicurezza derivante dall’uso del nitrox dal punto vista fisiologico nelle immersioni ripetitive è innegabile, come la possibilità di godere di limiti di non decompressione sensibilmente più lunghi rispetto a quelli offerti dall’aria. Spero ci pensino!

 

I titolari dei diving conoscono molto bene i siti subacquei….a Voi la scelta di dove effettuare le prossime immersioni.

 

Infine, per i non sub, credetemi: Marettimo merita una visita.

 

Avrete la possibilità di fare trekking, passeggiate a dorso di mulo, birdwatching, canoa e molto altro…

 

 

 

Non esitate a contattarmi se vi servono ulteriori informazioni.

 

BUONE IMMERSIONI A TUTTI !

 

Informazioni aggiuntive